news

2020.02.18: Le pareti verdi nel giardino contemporaneo

L'Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi martedì 18 febbraio 2020 alle ore 17.30, nella nuova sede presso l’Istituto Pio de’Bardi (via dei Michelozzi, 2 - Firenze), alla conferenza “Le pareti verticali nel giardino contemporaneo” a cura di Mariella Sgaravatti.

 

Ormai è noto a tutti come negli ultimi decenni il grande fenomeno dell’urbanizzazione ha creato nelle città una crescita a macchia d’olio senza controllo e soprattutto senza una precisa pianificazione del verde. Questo e altri fattori hanno portato paesaggisti, architetti e giardinieri a studiare e proporre di "verticalizzare il giardino”, segnando così la nascita del movimento della green architetture che teorizza la necessità di progettare il verde come parte integrante del progetto architettonico in una assoluta simbiosi.

 

Partendo dall'osservazione dei giardini pensili conosciuti fino dall'antichità (basti pensare ai giardini pensili di Babilonia fatti costruire da Nabucodonosor nel sesto secolo A.C.) si sono iniziati ad utilizzare i tetti e le pareti degli edifici per portare il verde quanto più vicino alle abitazioni e a creare nelle coperture e nei terrazzi dei veri giardini ad alta quota. Questo involucro verde tetto-parete favorisce la capacità di isolamento termico dell’edificio, migliorando anche il microclima dell’area circostante e creando pertanto un risparmio energetico.

L’intervento ripercorre una verifica storica delle problematiche e delle soluzioni che il giardino contemporaneo ha dovuto affrontare e risolvere in uno schema che è senza dubbio proiettato al futuro.

 

L’incontro è in collaborazione con LAO - Le Arti Orafe Jewellery School ed è patrocinato dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze.


2020.01.21: I ritmi della natura coltivata riflessi in sculture moderne del Giardino di Boboli e altrove

L'Associazione "Per Boboli" è lieta di invitarvi martedì 21 gennaio 2020 alle ore 17.30, nella nuova sede presso l’Istituto Pio de’Bardi (via dei Michelozzi, 2 - Firenze), alla conferenza I ritmi della natura coltivata riflessi in sculture moderne del Giardino di Boboli e altrove a cura di Mara Visonà.

 

Obiettivo della ricerca è mettere in luce la correlazione tra cultura botanica e la statuaria da giardino.

Fin dalla sua fondazione, il Giardino di Boboli non è rimasto uguale a se stesso in alcuna parte della sua mutevole e metamorfica vita. La lunetta di Giusto di Utens fissa una grandiosa visione globale e astratta nell’assoluta unità degli elementi naturali e statuari. La ricerca sulle immagini scultoree delle Stagioni, dei miti riferiti alla sanità dell’uomo, delle pratiche agricole non confermano però tale maestosa immagine, anzi, nella realtà, la coerenza compositiva del quadro spaziale e formale si frastaglia, ad una ricerca ravvicinata, in episodi costituiti da statue e fonti innestate al tessuto vegetale disteso e aperto talvolta e talaltra immerso in recessi riservati a coltivazioni sperimentali e pregiate utili alla ricreazione dello spirito e del corpo.

Se è risaputo che il mondo vegetale e l’architettura erano costituiti in un connubio creato da un’armoniosa regia, la relazione fra la natura viva e la scultura non è al centro degli studi mentre certi episodi plastici rivelano un’interpretazione della natura attraverso la storia, il mito e la realtà.

 

L’incontro è in collaborazione con LAO - Le Arti Orafe Jewellery School ed è patrocinato dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze.

 


2019.12.17: Michelangelo Tilli: un botanico del Seicento

L'Associazione "Per Boboli" è lieta di invitarvi martedì 17 dicembre 2019 alle ore 17.30, nella nuova sede presso l’Istituto Pio de’Bardi (via dei Michelozzi, 2 - Firenze), alla conferenza “Michelangelo Tilli: un botanico del Seicento” a cura del Prof. Giovanni Cipriani.

Michelangelo Tilli, brillante medico e botanico, allievo di Francesco Redi, svolse importanti missioni diplomatiche a Istambul e a Tunisi. Nominato direttore dell'Orto Botanico di Pisa, compilò il Catalogo di tutte le varietà esistenti e riuscì a far fiorire una pianta di Caffè.

 

L’incontro è in collaborazione con LAO - Le Arti Orafe Jewellery School ed è patrocinato dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze


2019.11.15: Visita alla mostra La Botanica di Leonardo. Per una nuova scienza tra arte e natura"

L’Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi venerdì 15 novembre p.v. alle 16.00 per la visita guidata alla mostra La Botanica di Leonardo. Per una nuova scienza tra arte e natura", attualmente in corso nel complesso della Basilica di Santa Maria Novella.

 

Prenotazione obbligatoria. Info su richiesta.


2019.11.05 La diffusione degli agrumi in occidente dalla protostoria al tardo impero romano

L'Associazione "Per Boboli" è lieta di invitarvi martedì 5 novembre 2019 alle ore 17.30, nella nuova sede presso l’Istituto Pio de’Bardi (via dei Michelozzi, 2 - Firenze), alla conferenza “La diffusione degli agrumi in occidente dalla protostoria al tardo impero romano” a cura dell’Arch. Gabriele Capecchi.

La conversazione proposta tratteggia l’iniziale percorso evolutivo degli agrumi nelle quattro specie archetipe, attraverso una comune incubazione in territorio sub-himalayano. Da qui e in età protostorica prende origine un processo autonomo lungo i principali corsi d’acqua dell’Asia centrale (Indo, Gange/Brahmaputra, Salween, Fiume Azzurro), ognuno dei quali in rapporto con le prime società organizzate. Determinanti allo scopo risultano i numerosi reperti (scultorei quanto fossili), ancor più a livello letterario – soprattutto la millenaria Saga di Gilgamesh – rivelando la realtà delle prime rotte di scoperta e di conquista, celata sotto un artificio narrativo.

Al tempo stesso il commercio tra Civiltà di Harappa e Sumeri consento di riconoscere i primitivi centri di acclimatazione degli agrumi in Bahrein (Dilmun), quindi in Mesopotamia quali elisir di lunga vita (i Patriarchi biblici), in realtà conseguenza di un errato computo del calendario lunare.

La diffusione dei frutti in area fenicia consentirà – per l’apporto vitaminico nel trattamento dello scorbuto – la conquista dell’intero Nord-Africa, celandosi sotto il ciclo leggendario di Ercole e delle Esperidi. Ancora più affascinante la realtà delle prove botaniche.

 

L’incontro è in collaborazione con LAO - Le Arti Orafe Jewellery School e patrocinato dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze.


2019.10.22 Trasformazione e conservazione: 40 anni di attività all'interno del Giardino di Boboli

In occasione dell'Inaugurazione del nuovo Anno Associativo 2019/2020, l'Associazione "Per Boboli" è lieta di invitarvi, martedì 22 ottobre 2019 alle ore 17.30, nella nuova sede situata presso l'Istituto Pio de'Bardi, in via dei Michelozzi 2, alla conferenza dal titolo “Trasformazione e conservazione: 40 anni di attività all'interno del Giardino di Boboli” a cura di Ivo Matteuzzi, Tecnico Agrario referente, coordinatore del Giardino e curatore della collezione di rose antiche.

 

L'incontro permetterà di approfondire il tema dei progetti e dei restauri che si sono susseguiti negli ultimi anni all'interno del Giardino di Boboli, i quali, unitamente ad una trasformazione nella gestione del personale, hanno portato evidenti cambiamenti strettamente connessi ad un'inevitabile evoluzione tecnologica. 

 

L'incontro è in collaborazione con LAO - Le Arti Orafe Jewellery School e patrocinato dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze.

 


2019.06.10/16: “Doni diplomatici e scambi musicali”

Con cinque concerti concepiti per celebrare importanti anniversari fiorentini, la rassegna musicale "Doni diplomatici e scambi musicali" onora lo spirito dello scambio internazionale e del mecenatismo. Ispirati al soggiorno in Francia del genio Leonardo da Vinci, ai legami tra Parigi e Firenze all’epoca di Cosimo I de' Medici e sua cugina Caterina, e alle vicende di una straordinaria compositrice fiorentina e mecenate al femminile, Barbara Strozzi, gli appuntamenti  in programma celebrano quello spirito di diplomazia che rende più profonda la comprensione di inestimabili capolavori artistici e musicali.

 

La rassegna è curata da Salon/Sanctuary Concerts con il patrocinio di Associazione "Per Boboli" e Villa Finaly, Chancellerie des Universités de Paris – La Sorbonne, con il generoso sostegno della Fondazione Florence Gould, e l'inestimabile collaborazione di Palazzo Bardi e dell'Ensemble L’Homme Armé.

 

Tutti i concerti sono gratuiti e aperti al pubblico sino a esaurimento dei posti disponibili. il programma dettagliato è consultabile al link: www.sscconcerts.org/the-florence-festival

 

Download
Comunicato Stampa
CS Rassegna.pdf
Documento Adobe Acrobat 588.4 KB


2019.05.28/30: Tra Spagna e Firenze: contaminazioni europee tra cultura agronomica, usi e arte dei giardini 

 

L’Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi a due appuntamenti organizzati in collaborazione con l’Istituto Agrario di Firenze e l’Università Rey Juan Carlos di Madrid: 

 

Martedì 28 maggio 2019, dalle 14.30 alle 16.30, sarà possibile visitare l’orto e i giardini dell’Istituto Agrario (via delle Cascine, 11 - Firenze) partecipando alle attività laboratoriali organizzate con la Cooperativa Ortisti per caso nell’ambito del progetto europeo “Campo dei Miracoli”.

 

Giovedì 30 maggio 2019 si terrà invece un’interessante giornata di studio incentrata sui legami tra i giardini storici fiorentini e spagnoli e sulla loro valorizzazione attraverso processi di partecipazione e inclusione sociale.


2019.05.07: Giardini rinascimentali e disegni barocchi

L’Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi martedì 7 maggio 2019 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), per la conferenza “Giardini rinascimentali e disegni barocchi: straordinari inediti sul Giardino Ruspoli di Vignanello” a cura della Prof.ssa Maria Celeste Cola e introdotta dal Prof. Francesco Solinas.

 

Tra i più celebri esempi del Rinascimento italiano, la creazione del magnifico parterre del castello di Vignanello si lega alla committenza di Marcantonio Marescotti e della sua giovane sposa Donna Ottavia Orsini, figlia di Giulia Farnese e di Vicino Orsini da cui aveva ereditato l’amore per i barchi e i giardini.  Nel 1704, Francesco Maria Ruspoli ereditava dai Marescotti il castello e le terre di Vignanello avviandovi la realizzazione di un nuovo giardino che, grazie al suo gusto raffinatissimo e alle inesauribili competenze del grande decoratore Francesco Corallo, si impose nel giro di poco come una delle più raffinate invenzioni di Ars topiaria.

 

Il rinvenimento dell’inedita corrispondenza tra Francesco Maria Ruspoli e Francesco Corallo ha svelato nuovi e importanti elementi per la storia dello straordinario parterre di bossi di Vignanello, esemplato sui magnifici giardini “alla francese” sorti per volere di papa Albani nel palazzo di Montecavallo e nel Palazzo Apostolico.

 

 

L’incontro è patrocinato dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze.


2019.04.24: Primavera a Boboli

L’Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi alla visita al Giardino di Boboli in programma per mercoledì 24 marzo alle 9.00. Un'occasione unica per scoprire le meravigliose fioriture di stagione e alcuni luoghi insoliti del giardino.

 

Prenotazione obbligatoria. Info su richiesta.


2019.04.20:Buona Pasqua

L’Associazione “Per Boboli” augura a tutti i Soci e agli Amici una buona Pasqua!


2019.04.09: Le rose in fila

L’Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi martedì 9 aprile 2019 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), per la presentazione del libro “Le rose in fila. Rose selvatiche e coltivate: una storia che parte da lontano”, a cura della Dott.ssa Franca Bessi, già professoressa e ricercatrice, e della Dott.ssa Marina Clauser, curatrice dell’Orto Botanico di Firenze.

 

L’incontro affronterà il complesso inquadramento sistematico del genere Rosa, riportando le storie di ibridatori, cercatori di piante, vivaisti e appassionati che hanno dedicato studio, energia e impegno a uno dei fiori più apprezzati fin dall’antichità.

 

L’incontro è patrocinato dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze.


2019.03.20: Visita alla mostra Verrocchio il Maestro di Leonardo

L’Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi alla visita alla mostra Verrocchio il Maestro di Leonardo, in programma per martedì 20 marzo alle 15.30, gentilmente accompagnati dalla Dott.ssa Elisabetta Cappugi.

 

Prenotazione obbligatoria. Info su richiesta.


2019.03.05: Baccio da Montelupo. Architetto nella Repubblica di Lucca

L’Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi martedì 5 marzo 2019 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), per la conferenza "Baccio da Montelupo. Architetto nella Repubblica di Lucca", a cura dell’Arch. Costantino Ceccanti, funzionario MIBAC per il complesso Musei del Bargello.

 

Baccio da Montelupo è universalmente conosciuto per essere stato uno dei maggiori scultori fiorentini al passaggio tra i secoli XV e XVI. Amico di Michelangelo, prese parte ad alcune delle maggiori imprese artistiche della sua epoca e lavorò tra Firenze, Bologna e Venezia. Tuttavia, esiste un lato meno noto e meno indagato della sua carriera: già Giorgio Vasari parlò della sua attività di architetto che si svolse soprattutto, ma non solo, nell’ultimo quindicennio della sua vita, trascorso a Lucca.

Obiettivo della conferenza è di ricostruire il percorso architettonico di Baccio da Montelupo, partendo dalle prime opere effimere, realizzate in occasione della visita di Leone X a Firenze, nel 1515, per arrivare alle imprese lucchesi. La scansione della documentazione d’archivio, delle fonti secondarie e, soprattutto, un’attenta analisi dell’architettura lucchese del primo Cinquecento, hanno permesso di definire in maniera dettagliata un aspetto tra i meno studiati ma tra i più interessanti del pieno Rinascimento.

 

L’incontro è patrocinato dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze.


2019.02.19: Visita al Museo Stibbert

L’Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi alla visita al Museo Stibbert, in programma per martedì 19 febbraio alle 15.30, gentilmente accompagnati dal Direttore, Dott.Enrico Colle.

 

Prenotazione obbligatoria. Info su richiesta.


2019.01.23: Visita alla Collezione Roberto Casamonti

L’Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi alla visita della Collezione Roberto Casamonti, in programma per mercoledì 23 gennaio alle 15.30, che, ospitata nel rinascimentale Palazzo Bartolini Salimbeni, raccoglie dipinti e sculture dai primi del Novecento sino ai nostri giorni, con attenzione ai grandi nomi dell’arte italiana e internazionale. 

Saremo gentilmente accompagnati dalla Dott.ssa Elisabetta Cappugi.

Prenotazione obbligatoria. Info su richiesta.


2019.01.08: Giardini romani nel Rinascimento

L’Associazione “Per Boboli” è lieta di invitarvi martedì 8 gennaio 2019 alle 17.30, presso il Teatro del Rondò di Bacco (Piazza Pitti, 1 - Firenze), per la conferenza "Giardini romani nel Rinascimento", a cura dell’Arch. Giorgio Galletti.

 

Se già nel Quattrocento, a Firenze, si affermarono giardini come quelli di Villa Medici a Fiesole, della Badia Fiesolana e di San Marco, dove erano raccolte anche sculture antiche, a Roma, la grande stagione del giardino antiquarium prese il via all'alba del Cinquecento con la realizzazione del Cortile del Belvedere, arricchito dalle straordinarie raccolte pontificie, e di Villa Madama, costruita su progetto di Raffaello.

 

Il collezionismo statuario si legò presto alla creazione di giardini e ninfei come quello perduto del cardinale Giovanni Gaddi, la cui grotta fu di modello per quella degli Animali del Giardino di Castello. Altre importanti raccolte furono quelle dei Farnese, dei Cesi e del cardinale Andrea Della Valle, poi acquistata da Ferdinando de’ Medici e attualmente distribuita fra gli Uffizi e Boboli.

 

L'incontro permetterà di approfondire queste tematiche insieme alle vicende di altri eccellenti esempi, quali Villa Medici al Pincio e Villa d’Este a Tivoli, offrendo inoltre un breve excursus sull’idraulica rinascimentale e sull’usanza, tipica romana della Lex Hortorum, un’iscrizione posta all’ingresso dei giardini aperti al pubblico con funzione di regolamento o di benvenuto.

 

L’incontro è patrocinato dalla Regione Toscana e dal Comune di Firenze.